Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Taglio illegale nelle foreste del Camerun: il caso TIB / SIM

Pubblicazione - 11 ottobre, 2005
Questo briefing fa il punto della situazione sulle attività di taglio illegale della TIB / SIM, impresa camerunense del legno che ha tra i suoi azionisti anche delle aziende italiane.

Download document

Executive summary: Le foreste di pianura del Camerun sono parte integrante della meravigliosa foresta africana dei primati. Questa foresta è importantissima per la tutela della biodiversità perché ospita specie come il gorilla di pianura, lo scimpanzé e l'elefante di foresta. Sono inoltre numerose le comunità di indigeni che vivono in quest'area e che, dalla foresta, traggono sostentamento.

Il futuro delle foreste africane è minacciato dalle attività di taglio illegale e distruttivo del legname. Negli ultimi anni diversi rapporti ufficiali pubblicati dal Governo del Camerun e dalla Banca Mondiale hanno sottolineato il carattere diffuso delle attività illegali nell'industria del legno camerunense.

Negli anni recenti numerose imprese sono state multate per pratiche illegali come evasione fiscale, taglio al di fuori dei confini, taglio dopo la scadenza del permesso ottenuto, taglio di tronchi sotto misura e taglio in concessioni non assegnate.

La Société Industrielle de Mbang [ SIM ], con sede a Yaoundè, è coinvolta a vari livelli in operazioni di taglio illegale su vasta scala in Camerun. Nata come sussidiaria della Transformation Intégrée du Bois [ TIB ], la SIM ha nel 2003 acquisito la TIB, che ha tra i suoi azionisti anche imprese italiane [ Dassi e Piarottolegno ] Il nome della TIB è spesso associato alla SIM per motivi pratici, dato che è molto più conosciuto nella regione.

Questo briefing mostra come la SIM non solo abbia una storia di taglio illegale e sia implicata in conflitti sociali con le comunità locali, ma anche come negli ultimi dodici mesi essa sia implicata nel taglio di porzioni di foresta poste al di fuori dei confini del permesso di taglio assegnatole.

Num. pages: 10

Categorie