Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Greenpeace blocca i pirati del mare

Gli attivisti di Greenpeace a bordo dell'Arctic Sunrise hanno sequestrato 2 chilometri di reti spadare a un peschereccio (dal nome probabile di Diomede II) che nel Mar Ionio, a 25 miglia (c.a. 50 km) al largo di Capo Spartivento, stava utilizzando in acque internazionali circa 10 km di spadara vietata nell'Ue dal 2002. Nelle reti, con la maglia della cosiddetta "ferrettara" (8 cm di maglia), erano intrappolati undici tonni rossi e una piccola tartaruga marina (c.a. 30 cm) in fin di vita.

Dettagli video



La pesca

In pochi decenni, i pescherecci industriali hanno razziato e quasi distrutto le proprie zone di pesca. Queste flotte, invece di ridurre la capacità di pesca, cercano adesso di spostare il loro raggio di azione verso il Pacifico e l'Africa Occidentale. Piuttosto che risolvere i problemi a casa loro, le flotte dei pescherecci del Nord li spostano verso gli oceani del Sud, ancora relativamente in buona salute. Il futuro di questi oceani e delle comunità costiere che da essi dipendono è sempre più in balìa di pescatori senza scrupoli e di una crescente domanda di pesce su scala globale.

Circa il 90% degli stock ittici mondiali è già pienamente o eccessivamente sfruttato. Inoltre la quantità di pesce che la gente mangia continua ad aumentare: dal 1960 ad oggi il consumo pro capite di pesce è infatti quasi raddioppiato. Secondo molti biologi marini, proprio lo sfruttamento intensivo del patrimonio ittico è la minaccia più grande all'equilibrio degli ecosistemi marini.

La pesca danneggia gli ecosistemi sia quando è eccessiva sia quando è condotta con sistemi distruttivi. Molte tecniche di pesca sono tutt'altro che selettive: oltre alle specie bersaglio, vengono catturati - e poi gettati in mare morti o morenti - molte altre specie o esemplari giovani delle stesse specie bersaglio. La cattura accidentale di mammiferi, uccelli marini, tartarughe, squali e di molte altre specie è ancora uno dei principali problemi in molte zone del mondo.

Un altro grave problema è quello della pesca pirata: dagli oceani al nostro Mediterraneo la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN) – sta flagellando l’ecosistema marino.

Secondo Greenpeace l’unico modo di salvare il mare è quello di stabilire una rete di riserve marine, eliminare la pesca illegale e ridurre lo sforzo di pesca eliminando i metodi di pesca più distruttivi e dando priorità di accesso alle risorse della pesca a chi pesca nel modo più sostenibile.

All’inizio del 2014, con l’approvazione della nuova Politica Comune della Pesca (PCP), l’Unione Europea e gli Stati Membri, sotto le spinte di molte ONG tra le quali Greenpeace, si è impegnata a garantire la sostenibilità ambientale, economica e sociale della pesca in UE. Ciò significa che gli Stati Membri, e quindi anche l’Italia, sono chiamati a stabilire regole di gestione delle flotte che siano in equilibrio con le risorse che abbiamo a disposizione, garantendo il recupero delle specie sovrasfruttate ed un accesso equo e sostenibile alle risorse marine.

Firma anche tu per chiedere di eliminare la pesca eccessiva: In Nome Del Mare

Gli ultimi aggiornamenti

 

Al via il tour italiano dell'Arctic Sunrise

Galleria di immagini | 25 aprile, 2013

L'Arctic Sunrise al porto di Trapani

Video | 25 aprile, 2013 a 13:07

Inizia oggi al porto di Trapani la tappa italiana del tour di Greenpeace "Sostieni chi pesca sostenibile" a sostegno dei pescatori artigianali europei. Questa mattina, ad aprire le attività, la cerimonia di inaugurazione con lo scambio della...

Sostieni chi pesca sostenibile

Galleria di immagini | 24 aprile, 2013

Sostieni chi pesca sostenibile. Il tour dell’Arctic Sunrise

News | 29 marzo, 2013 a 13:10

Si chiama “Sostieni chi pesca sostenibile”, il tour della nostra storica rompighiaccio “Arctic Sunrise”, a sostegno dei pescatori artigianali d’Europa. E stavolta potrai accompagnarci anche tu, costruendo la tua barchetta virtuale su myboat.gp.

Quante vittime per una scatoletta di tonno

Blog di Giorgia Monti, campaigner Mare | 12 ottobre, 2012

Il pescatore indonesiano coperto dal grande cappello di tela per ripararsi dal sole, il giovane vietnamita dagli occhi tristi, il filippino piegato a raccogliere la lenza con le mani bruciate. Cambiano i pescherecci, ma le facce che ci...

Ottomila squali uccisi in un'ora per le loro pinne

Blog di Giorgia Monti, responsabile campagna Mare | 8 ottobre, 2012 10 commenti

Oceano Indiano, dodicesimo giorno di navigazione a bordo della Rainbow Warrior. Dopo aver fatto visita alla flotta europea impegnata nella pesca al tonno , siamo diretti a est, sud del Madagascar, alla ricerca dei pescherecci asiatici...

Abbiamo finito anche le sardine

Galleria di immagini | 28 settembre, 2012

Abbiamo finito anche le sardine

News | 28 settembre, 2012 a 12:47

Il pesce azzurro è al collasso. In Adriatico crollano acciughe e sardine. Colpa della cattiva gestione delle risorse ittiche in Italia. Con il rapporto "Blu gold in Italy", pubblichiamo i risultati di un'inchiesta realizzata a Chioggia che,...

Vittoria! Tonno Mareblu 100% sostenibile al 2016

News | 5 marzo, 2012 a 18:28

La nostra campagna “Tonno in Trappola” mette a segno la prima vittoria: Mareblu si impegna a utilizzare solo metodi di pesca sostenibili. Entro la fine del 2016 il 100 per cento del tonno Mareblu sarà pescato solo con canna (Pole&Line) o con reti...

“Tonno in trappola: Di' la tua”. I risultati del sondaggio

News | 21 febbraio, 2012 a 16:15

Tre mesi fa abbiamo lanciato un sondaggio per capire cosa pensano i consumatori della sostenibilità delle scatolette di tonno vendute in Italia. Oggi presentiamo i risultati in un’infografica che illustra le 25 mila risposte. Nel 99 per cento dei...

31 - 40 di 53 risultati.

Categorie
Tag