Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

I costi del nucleare

Il nucleare costa poco? Se qualcun altro ti regala la centrale e si occupa delle scorie a gratis, allora il nucleare conviene. Il nucleare è troppo costoso: su questo non ci sono dubbi. E come investimento è molto rischioso e poco prevedibile.

Quando si parla di convenienza del nucleare, ci si riferisce al solo costo del combustibile impiegato, che è più basso rispetto alle altre fonti di energia. Il costo finale dell’elettricità dipende, però, anche da altri fattori quali l’investimento iniziale per la realizzazione dell’impianto, la manutenzione, lo smaltimento dei materiali residui.

Nel nucleare, il costo maggiore è rappresentato dalla realizzazione dell’impianto, un ingente investimento che può essere recuperato solo dopo quindici-venti anni di attività. I costi di costruzione di una centrale nucleare oltre ad essere i più alti, rispetto a quelli di centrali di altro tipo, tendono a lievitare durante la costruzione, rendendo non più così conveniente la produzione di energia.

Basta vedere cosa succede in Francia e in Finlandia, dove si stanno costruendo gli unici due impianti EPR (dello stesso tipo di quelli che si vogliono costruire in Italia): i costi sono molto superiori alle attese, superando anche del 70 per cento le previsioni iniziali, e i ritardi nella costruzione arrivano anche a tre anni.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Le "bufale nucleari" di Enel

Immagine | 15 dicembre, 2010 a 17:46

Attivisti di Greenpeace hanno distribuito mozzarelle di bufala fuori dalla sede di Confindustria per protestare contro le "bufale nucleari" di Enel. Oggi, infatti, si tiene l'incontro conclusivo con le imprese (Supply Chain Meeting) a cui Enel ha...

Banca nucleare BNL

News | 23 ottobre, 2010 a 0:00

Roma, Italia — In tutta Italia i nostri volontari manifestano per chiedere al gruppo bancario BNP Paribas - che in Italia controlla BNL - di fermare i suoi "investimenti radioattivi". In particolare Angra3 in Brasile, un reattore nucleare...

ANGRA 3. Il nucleare brasiliano di BNP/BNL non è ancora nato. Ma è già vecchio!

Pubblicazione | 23 ottobre, 2010 a 2:00

Il Gruppo bancario francese BNP, con sede anche in Italia attraverso la controllata BNL, è il principale finanziatore di progetti nel settore nucleare a livello mondiale e sta decidendo di finanziare, assieme ad altre banche francesi, la...

Nuclear Emergency. La nostra serata sold-out

News | 19 ottobre, 2010 a 0:00

Roma, Italia — Grande Successo di Nuclear Emergency: teatro pieno, artisti coinvolgenti, video "inspiring", forte partecipazione del pubblico e uno streaming seguitissimo sul web.

Scorie nucleari al Parlamento europeo: la soluzione è non produrle

News | 7 ottobre, 2010 a 0:00

Bruxelles — Gestire rifiuti nucleari non è possibile, l'unica soluzione è non produrli. L'abbiamo fatto sapere agli europarlamentari che nei prossimi giorni discuteranno la direttiva della Commissione europea sulla gestione delle scorie. Come?

Solido come una roccia?

Pubblicazione | 7 ottobre, 2010 a 2:00

Questo briefing è una sintesi del Rapporto di Greenpeace International “Rock solid? A scientific review of geological disposal of high-level radioactive waste”.

Per fermare "BERLUSCONI NUCLEARE" sono andato fino a Vienna

Blog di Gruppo Locale Napoli | 20 settembre, 2010

Che esperienza! Sono stato via da casa soltanto tre giorni eppure mi sembra passata una settimana. Quante facce, quante lingue, quanti chilometri e quanto poco dormire. Parlando con un collega austriaco ricordo di avergli detto: "I'm...

Chioggia. In caso d'incidente nucleare

News | 16 settembre, 2010 a 0:00

Roma, Italia — Quest'analisi è una valutazione di cosa succederebbe se si verificasse un incidente a una centrale nucleare posizionata a Chioggia. Lo studio è stato condotto dall'Istituto di Meteorologia e dall'Ecoistituto di Vienna per conto di...

Rapporto fallout Chioggia

Pubblicazione | 15 settembre, 2010 a 2:00

L’analisi di cui si presenta la sintesi è una valutazione di cosa succederebbe se si verificasse un incidente a una centrale nucleare posizionata a Chioggia. Lo studio è stato condotto dall’Istituto di Meteorologia e dall’Ecoistituto di Vienna.

Il Lido di Venezia diventa anti-nucleare

News | 28 luglio, 2010 a 0:00

Venezia, Italia — I nostri attivisti hanno trasformato il Lido di Venezia in una spiaggia “anti-nucleare”. Da questa mattina all’alba hanno piantato centinaia di ombrelloni gialli e striscioni per formare un enorme messaggio contro il nucleare.

111 - 120 di 236 risultati.

Categorie
Tag